Un concerto allunga la vita

18 febbraio 2020, Go East: rassegna dei rapporti Italia - Cina (di Lorenzo Lamperti su China-Files.com)

“Le difficoltà sono temporanee, le amicizie imperiture”. Il messaggio di Xi Jinping rivolto all’Italia, in tempi di coronavirus, non era scontato. Quell’Italia che ha bloccato i voli diretti con la Cina e che, nonostante le rimostranze di Pechino, non li ha ancora riaperti. E, come ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza, non intende farlo “finché l’epidemia non sarà vinta”. In realtà, il messaggio del presidente cinese era rivolto in primo luogo a Sergio Mattarella, in prima linea nel mantenere, o meglio ricucire (dopo quella che Repubblica ha definito “crisi diplomatica“), i rapporti con il Regno di Mezzo. Il Presidente della Repubblica, ovviando ai segnali discordanti lanciati a Pechino dal governo Conte bis, ha ospitato alla Cappella Paolina del Quirinale il concerto straordinario organizzato in occasione delle iniziative dell’Anno della cultura e del turismo Italia-Cina 2020. Un anno che sarà concluso proprio da una visita di Mattarella in Cina. Ed ecco che allora il capo dello Stato ha deciso di anticipare il concerto eseguito dalla pianista Jin Ju, alla presenza dell’Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia, Li Junhua e rappresentanti del governo e delle istituzioni. Xi si è detto “commosso”, mentre Mattarella ha definito il coronavirus “un nemico comune”. Segnali distensivi anche dall’Ambasciata della Repubblica Popolare in Italia, che ha postato su Twitter un’immagine del carico di materiale sanitario spedito via aerea dal governo italiano in aiuto della Cina. Spazio anche per l’ex premier Romano Prodi, il cui messaggio di supporto al popolo cinese è stato pubblicato su Twitter dalla stessa Ambasciata di Pechino.

Italia e Cina, un feeling che non decolla

10 febbraio 2020, Go East: rassegna dei rapporti Italia - Cina (di Lorenzo Lamperti su China-Files.com) 

Voli a terra, alberghi vuoti, giravolte diplomatiche e un pizzico di sinofobia. Il menù della settimana è purtroppo molto simile a quello di sette giorni fa, con il coronavirus che staziona ovunque a caratteri cubitali (sempre meglio del corrispettivo “virus cinese”) e con l’aggiunta di segnali discordanti a livello diplomatico rischiano di creare, anzi stanno già creando, qualche problematica nel rapporto tra Italia e Cina. Anche a causa di una politica estera, quella italiana s’intende, che sa sempre un po’ troppo di politica interna.

La Cina è (meno) vicina

3 febbraio 2020, Go East: rassegna dei rapporti Italia - Cina (di Lorenzo Lamperti su China-Files.com) 

È passata solo una settimana dalla prima puntata di Go East, ma sono successe tante cose sulla direttrice Roma-Pechino. Purtroppo, quasi tutte legate al tema che da ormai un paio di settimane sta dominando l’attenzione di giornali e telegiornali italiani, vale a dire il coronavirus. Proviamo a ricapitolarle.

Il Coronavirus adombra l'anno Italia-Cina

28 gennaio 2020, Go East: rassegna dei rapporti Italia - Cina (di Lorenzo Lamperti su China-Files.com) 

Ma non si può certo dire che l’anno sia cominciato in maniera fortunata. La diffusione del coronavirus sta avendo effetti anche sui rapporti tra Italia e Cina. A Wuhan, l’epicentro della nuova epidemia, vivono circa una cinquantina di italiani

Il 2020 è l’anno del topo. Ma il 2020 è anche l’anno della cultura e del turismo Italia Cinainaugurato lo scorso 21 gennaio dal ministro per i beni e per le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini e dall’omologo cinese Luo Shugang. I due ministri hanno citato il fitto calendario di eventi nel programma di scambi culturali, tra cui un’esposizione dedicata alla scultura antica promossa dal Museo Archeologico di Napoli al Museo Nazionale di Pechino, una mostra su Leonardo da Vinci al museo provinciale dello Sichuan a Chengdu e una sui guerrieri di terracotta del mausoleo di Quinshiguandi di Wi’an alla Reggia di Caserta. Il giorno dopo Sergio Mattarella e Xi Jinping si sono scambiati lettere di congratulazioni. Il presidente della Repubblica sarà in visita a Pechino a novembre 2020 per la cerimonia di chiusura dell’anno della cultura e del turismo Italia Cina. Sull’evento, che sarà promosso anche al padiglione Italia di Expo 2020 a Dubai, si punta molto per chiudere nuovi accordi economici.

Pagina 9 di 9

© 2018-2022 Simone Padoan - IT04471900276 - Italy. All Rights Reserved.